Qualcosa di sinistra?

FABIO VANDER

Lettera apparsa sul “Manifesto” dell’11 gennaio 2011

Luciano Gallino in un ottimo articolo su “Repubblica” della scorsa settimana riprendeva l’intervento al Senato americano di un senatore democratico (o “indipendente progressista”), Bernie Sanders. Questi, nota Gallino, diceva “qualcosa di sinistra”, molto più di sinistra di quanto si senta nelle aule parlamentari italiane. Chiedeva fra l’altro maggiore giustizia, politiche redistributive a favore dei poveri, interventi statali per le infrastrutture. Da ultimo condannava lo “scandaloso compromesso” fra Obama e i Repubblicani che prorogava le riduzioni fiscali per i più ricchi.

Gallino concludeva auspicando che qualche “nostro parlamentare -magari del PD, chissà- faccia un discorso simile a quello di Sanders”.

L’intervento di Sanders è stato l’11 dicembre. Neanche a farlo apposta il 7 dicembre in Italia era intervenuto in aula il senatore del Partito democratico Paolo Giaretta chiedendo: 1) liberismo: cioè “maggiore apertura nei mercati” a cominciare da quello energetico; 2) una “intesa bipartisan generosa” fra destra e centro-sinistra; 3) prendere a modello nientemeno che il “vero liberale von Hayek”, “terrore dei conservatori” in primo luogo di sinistra.

Come si vede “qualcosa” di estrema destra. E’ da illusi aspettarsi altro dal PD.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *