Lavoro, Sinistra, Europa. Verso le manifestazioni del 29 settembre e del 16 ottobre

Appello conclusivo dell’Assemblea del Tavolo per il lavoro del 20 ottobre

Chiediamo alle forze politiche della sinistra, partiti e associazioni, del centrosinistra e a tutte le opposizioni di contribuire attivamente al successo delle manifestazioni del 29 settembre e del 16 ottobre. Si tratta di due appuntamenti che rivestono un particolare valore politico in una situazione in cui in gioco sono le basi stesse della nostra democrazia repubblicana. Nel momento in cui sono messi in discussione dalla destra al potere, sino al punto di aprire una profonda crisi al suo interno, la libertà di stampa, l’equilibrio tra i poteri dello Stato, l’indipendenza della magistratura, bisogna con determinazione fare in modo che questione democratica e questione sociale si saldino tra di loro. Così come, del resto, è nello spirito e nella lettera della prima parte della Costituzione.

Diritto di sciopero, regole certe e democraticamente fondate per la validazione dei contratti, difesa del contratto nazionale per cui la Fiom e la Cgil si battono, accantonamento del collegato sul lavoro voluto dal governo, sono perciò obiettivi decisivi al fine di aprire una nuova stagione politica nel nostro paese.

D’altro canto, è del tutto evidente che la vera e propria dichiarazione di guerra del patronato italiano nei confronti del mondo del lavoro, di cui la Fiat di Marchionne costituisce la punta avanzata, nasce anche dalla gravità della crisi in atto e dal fatto che le forze dominanti, a livello europeo, vogliono uscirne con un’ulteriore sterzata a destra.

Solo una coerente assunzione della dimensione europea come campo nel quale ricostruire un quadro rinnovato di relazioni sindacali democraticamente fondate e condivise, l’indicazione di un nuovo modello economico e sociale fondato sulla difesa dell’ambiente e la buona e piena occupazione, può ridare una prospettiva al mondo del lavoro e alle sue aspettative. E d’altra parte solo rimettendo al centro della civilizzazione europea il mondo del lavoro, le sue battaglie e i suoi valori, sarà possibile ricostruire un argine contro la deriva razzista e xenofoba che sta avvelenando la convivenza civile del nostro continente, e rimuovere gli ostacoli che si stanno frapponendo alla libera circolazione dei cittadini europei. A questo fine grande importanza riveste per noi l’Assemblea del Social Forum Europeo che si terrà a Parigi il 23 e 24 ottobre.

Per tutte queste buone ragioni parteciperemo in massa agli appuntamenti di mobilitazione del 29 settembre e del 16 ottobre.

L’assemblea del Tavolo per il lavoro

Roma, 20 settembre 2010

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *