Oscar Marchisio ci ha lasciati

SERGIO CASERTA

Oscar Marchisio è morto improvvisamente ieri sera giovedì 6 agosto nella sua casetta di Carpasio nei dintorni di Sanremo, tutta l’Associazione per il Rinnovamento della Sinistra si stringe intorno ai suoi cari, alla moglie Ornella ed alle figlie Isotta e Tatiana.
Descrivere il proflo di Oscar significa raccontare tanta parte della storia della sinistra italiana dall’ormai lontano sessantotto ad oggi ma soprattutto ricordare una persona intelligente, attiva, sensibile, una persona cara che sai di “ritrovare” sempre, che nel frattempo sia in Cina o in giro per l’Italia, che puoi non vedere per mesi ed all’improvviso partecipa ed interviene all’ultima iniziativa, ti chiama per parlarti delle sue idee dei numerosi progetti a cui sta lavorando o che intende intraprendere.
Oscar è uno di noi, tra i migliori in mezzo a tutti noi, nelle traversie faticose di questa nostra sciagurata sinistra, con il suo parlare piano, quasi sommesso, sornione a volte ma sempre motivato e serio, una mente lucidamente critica con un’ampia visione unitaria.
Oscar è anche un docente di sociologia ed un manager di qualità, per lunghi anni ed ancora ora al lavoro insieme alla CGIL, ed ancora consulente per aziende importanti e da ultimo anche editore “civile” appassionato con la sua nuova “creatura” la casa editrice “Socialmente”.
Vorremmo davvero che non sia successo ma purtroppo è così, sabato 8 agosto alle ore 16,30 ci saranno i funerali a Sanremo alla Chiesa degli Angeli

1 (2)