“Ars et Labor” L’Ars anche in Piemonte

L’idea di costituire un Polo torinese di ARS, l’Associazione per il Rinnovamento della Sinistra, risponde ad un esigenza emersa in questi anni di avere un luogo di confronto che non dovesse essere vincolato alle varie scadenze elettorali, che non tenga conto delle appartenenze pregresse e che abbia come finalità il rinnovamento di un pensiero alternativo allo stato di cose presenti.

Il Cantiere e poi l’Altra Torino, le realtà su cui s’innesta, sono sempre stati un po’ il tentativo di muoversi in questa direzione e oggi cogliamo l’occasione di metterci in contatto con esperienze consolidate sul territorio nazionale.
Il momento attuale sia sul piano locale, sia su quello nazionale e financo su quello europeo richiede per la Sinistra una riscrittura del proprio paradigma che non può arrestarsi sull’uscio di una presunta urgenza elettoralistica.
I temi a nostro avviso centrali e comunque ineludibili su cui impegnarci in una riflessione sono il rapporto tra sviluppo e diritti, elemento discriminante tra una visione progressista ed una conservatrice della società e il tema ad essa strettamente connesso della rappresentanza democratica, della sua crisi e delle vie d’uscita.
Ci impegneremo per sviluppare una riflessione che abbia nel momento operativo un suo elemento qualificante.
I soggetti che vorremmo coinvolgere non sono individuabili sulla base di appartenenze passate che giudichiamo ormai inadeguate alla nuova fase e di conseguenza l’apertura sarà sostanzialmente totale verso coloro che considerano la società come luogo su cui sperimentare il cambiamento, sul principio di una testa un voto.
Coma Ars ci impegneremo anche a costruire processi più larghi che portino a ricostruire una nuova soggettività della sinistra.

A.R.S. Piemonte

foto della riunione costitutiva dell'Ars a Torino foto della riunione costitutiva dell'Ars a Torino